Il Museo della Pesca e delle tradizioni lacustri di Peschiera del Garda si trova presso la Caserma d’Artiglieria di Porta Verona, nella bellissima e suggestiva Sala Radetzky, ex laboratorio pirotecnico.

E’ curato dal 2013 dall’Associazione “Amici del Gondolin” con il patrocinio dell’Amministrazione Comunale.

Una volta entrati, verrete trasportati nella storia attraverso foto e documentazioni uniche, imbarcazioni tipiche lacustri donate dai cittadini, un vero patrimonio antico della vita di lago.

Tra le imbarcazioni storiche esposte, è degna di nota l’antica "Anguilara" di fine '800, che è stata recuperata dai fondali dal nostro Sub Club Peschiera, ed è davvero esclusiva della nostra città.

Si passa poi ad altre imbarcazioni tipiche delle nostre zone, come la "Jole", una barca a remi originaria del lago di Como, un tempo utilizzata nelle regate che si svolgevano tra i Comuni Benacensi, o la “Torbetta”, una sorta di contenitore galleggiante a forma di barca che veniva utilizzato per raccogliere il pescato e, una volta riempito di pesci, veniva affondato per mantenerli “in vivo” e recuperarli nel momento del bisogno o per la vendita.

Proseguendo, si può poi ammirare una vecchia spingarda con trazione a pedali, imbarcazione utilizzata sul Garda e sul laghetto del Frassino soprattutto per la caccia alle folaghe.

Sulle pareti del museo potete poi ammirare tramagli, fiocine e lampare, di cui una alimentata a carburo, che venivano utilizzate per la pesca in notturna, oltre a bellissime rappresentazioni pittoriche di Pietro Basso dove sono riprodotte delle scene di pesca.

Molto bella e particolare è anche la stanza dedicata ai “calatafari”, i vecchi mastri carpentieri che erano soliti sistemarsi sulle rive per costruire o offrire una sorta di manutenzione alle imbarcazioni utilizzate dai pescatori. In questa sala si possono ammirare vecchie sgorbie, trapani, pialle, martelli, chiodi, canne da pesca, reti, a testimonianza oggi di un passato che si sta lentamente perdendo.

Vi consigliamo di visitare questo angolo di storia del lago!

Tutti i dettagli con un clic qui